Oasi Ex Cave Corazza

Description

Description

La storia del CEA Oasi Ex cave Corazza, inizia nel maggio del 2001, in seguito alla ristrutturazione della casa colonica e della attigua stalla, adibita a centro visite e laboratorio didattico. Da quella data sono iniziate le visite guidate condotte prima da studenti universitari e in seguito da operatori e Guide Ambientali Escursioniste del WWF Reggio Emilia. Il CEA Oasi Ex Cave Corazza è entrato subito a fare parte della rete dei centri di educazione ambientale delle provincia di Reggio Emilia e del sistema INFEAS della regione Emilia Romagna.
Individuati i percorsi e le attività didattiche per le scuole di ogni ordine e grado, il CEA ha iniziato a collaborare con le insegnanti referenti dei vari plessi, presentando progetti in grado di autofinanziarsi e realizzando sistematicamente attività educative sul territorio, garantendo una continuità didattica su più anni scolastici.
Dal 2012, in seguito alle procedure di riorganizzazione del sistema INFEAS, il Comune di Poviglio è entrato a fare parte, insieme ad altri 5 comuni (Campegine, Bibbiano, Canossa, Vezzano sul Crostolo e Albinea), del CEAS INFEAS RETE REGGIANA.
L’Oasi Ex Cave Corazza di Poviglio
Le Ex Cave Corazza, i “Buson ed Corasa”, sono localizzate nell’immediata periferia di Poviglio. Per la presenza dell’acqua stagnante, di superficie e sotterranea, continua o episodica, sono una zona umida che conserva l’aspetto originario della Pianura Reggiana. In questo ambiente si è spontaneamente sviluppata una vegetazione che ha creato un ecosistema prezioso per la conservazione della specie vegetali ed animali che vi si sono insediate.
La fisionomia e la struttura della copertura vegetale sono estremamente variabili: ciò dipende, soprattutto, dalle condizioni ecologiche, che indicano l’elemento idrico quale fattore determinate, e dall’aspetto “storico” delle diverse porzioni dell’area: alcune di esse, escluse dall’attività umana, hanno sviluppato una vegetazione spontanea, altre, al contrario, sono utilizzate tutt’ora per la fienagione e mantengono caratteristiche maggiormente agricole.
La superficie totale, pari a 7 ettari, è caratterizzata da prati sfalciati periodicamente che presentano diversi gradi di idrofilia, da pratarie naturali, canneti quasi impenetrabili, vecchie boscaglie allagate dominate da pioppi, dal salice, bianco e dall’olmo comune, nonche da nuove zone boschive frutto di recenti interventi di rimboschimento. Ai margini, lungo i confini, sono presenti salici, pioppi bianchi, farnie ed altre specie arboree, proprie di suoli umidi e tolleranti saltuarie inondazioni. La zona palustre più periferica, con suolo sommerso, è occupata da Fragmiteti, cioè da comunità dominate da canne (Phragmites communis) e tife (Typha latifoglia).
Di notevole interesse e da segnalare la presenza, nelle zone adiacenti i bacini, di importanti zone “ecotonali” o di transizione, costituite da lunghi filari di siepi, che rappresentano un prezioso rifugio per moltissimi animali. L’oasi è oggi un esempio, anche se improprio, di come doveva presentasi buona parte della nostra Pianura mille anni fa: siepi lungo le strade, grandi quantita di luoghi incolti dove predominava il Bosco con molteplici varietà di specie vegetali e animali.
Per quanto concerne la componente animale, oltre a numerose, quanto indispensabili, comunità di insetti, dobbiamo annoverare la presenza di anfibi e rettili tra i quali spicca sicuramente la biscia dal collare (Natrix natrix), il biacco (Coluber viridiflavus),il Saettone (Zamenis longissimus). Passando ai mammiferi, si segnala la presenza sicura del Riccio europeo (Erinaceus europaeus), e di diverse specie di micro-mammiferi (toporagni, arvicole, ecc …). Certa è la presenza della lepre comune (Lepus capensis), della volpe (Vulpes vulpes), e di diverse specie di chirotteri. Non si esclude che l’asta fluviale del Crostolo e dell’Enza sino veri e propri corridoi verdi per ungulati quali il Capriolo (Capreulus capreulus) sempre alla ricerca di nuovi territori da colonizzare. Nutrita è sicuramente l’avifauna, costituita da diverse specie di passeriformi, strigiformi e alcuni ardeidi tra i quali annoveriamo sicuramente l’airone cenerino (Ardea cinerea), la garzetta (Egretta garzetta) e la nitticora (Nyctiocorax nycticorax). Tra i rapaci diurni, sicura la presenza dello Sparviere (Accipiter nisus), del gheppio (Falco tinnunculus) e della poiana (Buteo buteo).
L’Oasi Ex Cave Corazza è inoltre una Area di riequilibrio ecologico (A.R.E.) inserita nella rete delle aree Protette della Regione Emilia Romagna. In base alla L.R. 06/05, le A.R.E. sono “aree naturali o in corso di rinaturalizzazione, di limitata estensione, inserite in ambiti territoriali caratterizzati da intense attività antropiche che, per la funzione di ambienti di vita e rifugio per specie vegetali ed animali, sono organizzate in modo da garantirne la conservazione, il restauro, la ricostituzione”.

Via Parma – Poviglio
tel. 0522 960426

Contact

Contact

Location

Oasi Ex Cave Corazza
Get directions

Contact

Oasi Ex Cave Corazza
  • By redazione
  • Email: lorenzo.bianchi68@gmail.com

    Your Name (required)

    Your Email (required)

    Subject

    Your Message

    Ratings

    Oasi Ex Cave Corazza

    Recensioni

    0

    0 Total
    This is a sample content. you can add some notice or special comment for ratings. If you need to modify rating statements, please go to theme option and you can add or change.
    Thank you.
    Servizio
    0.0%
    Location
    0.0%
    Qualità
    0.0%
    Altro
    0.0%