Cattedrale – Duomo

  • 04
  • 03
  • 02
  • 01

Description

Description

Costruzione romana edificata intorno all’857; nel XV secolo lo stile della cattedrale viene adeguato ai canoni architettonici dell’epoca. La cattedrale è stata restaurata e riaperta al pubblico concontributi di artisti contemporanei.

Edificata su un’antica costruzione romana intorno all’857, ha subito diverse trasformazioni secondo lo stile romanico.Verso la fine del XV secolo, lo stile della cattedrale viene adeguato ai canoni architettonici dell’epoca. Prospero Sogari, detto il Clemente, è lo scultore che ne cura l’esecuzione rimasta però incompleta. Opere sue sono le statue raffiguranti Adamo ed Eva poste sul portale centrale, mentre ai lati tra fasce di marmi che ricoprono le superfici mediane della facciata entro le nicchi vi sono i Santi Crisanto e Daria e i Santi Venerio e Gioconda, compiuti dal Clemente e dalla sua bottega tra il 1572 e 1580. Nella torre, sulla facciata, domina la statua della Madonna col Bambino con i coniugi Fiordibelli (benefattori) in lastre di rame a sbalzo dorato, capolavoro di arte orafa eseguito da un’artista di eccezione: il reggiano Bartolomeo Spani (orafo, scultore, architetto vissuto tra il ‘400 e la prima metà del ‘500). L’intero Duomo conserva cappelle rivestite di marmi pregiati e finemente scolpiti. Di rilievo il sepolcro di Orazio Malaguzzi (a destra dell’ingresso) eseguito dal Clemente. Singolare il monumento funebre di Valerio Malaguzzi (del 1510) opera di Bartolomeo Spani (3° cappella sul lato destro). Imponente il sepolcro Rangoni (sempre del Clemente) nella cappella di fondo (sul lato destro) a fianco del coro.
L’epoca della costruzione nell’attuale area della chiesa cattedrale dedicata a S. Maria è ignota. Tuttavia alcuni studiosi ipotizzano che, in seguito agli asalti degli Ungari (in uno dei quali, nell’899) perse la vita lo stesso vescovo Azzo II), l’edificio venne costruito all’alinterno della cinta muraria intorno al X secolo, in sostituzione dell’antica cattedrale extra moenia. La chiesa venne comunque radicalmente trasformata o, forse, ricostruita all’inizio del XIII secolo con l’innalzamento di un triburio sulla facciata e l’apporto, sempre in cacciata, di pseduo gallerie sovrapposte. Difficile seguire in assenza di una documentazione puntuale gli interventi plurimi che, a distanze cronologiche relativamente brevi, hanno interessato il monumento. Più chiare, invece, sono le vicende che caratterizzano la “fase cinquecentesca” della facciata, quando Prospero Sogari, detto il Clemente, è incaricato di “incamiciare” il fronte medioevale dell’edificio chiudendolo all’interno di una costruzione in marmo. l’erezione della nuova facciata – anche in seguito a dissensi tra l’artista e la committenza – subisce però una serie di arresti. Nel 1583 i lavori ritorneranno di nuovo in mano al Clemente e, alla motre di questi, l’opera proseguirà sotto la direzione di Prospero Pacchioni, fermandosi, tuttavia alla configura attuale Cappella Fiordibelli
Tela: Assunzione di Maria Vergine con San Pietro in cattedra e San Girolamo (1626) di Giovanni Francesco Barbieri detto il Guercino

La cattedrale è stata restaurata e riaperta al pubblico nel 2010. Sono stati posti nuovi arredi: il candelabro pasquale dell’artista abruzzese Ettore Spalletti, un semplice ed essenziale volume puro di grande intensità poetica, che si pone nello spazio come segno indicatore di una forte presenza. È una grande colonna in marmo tagliata verticalmente al centro, le cui pareti interne sono ricoperte di foglia d’oro.
L’artista di origine giapponese Hidetoshi Nagasawa, che lavora su forme simboliche di grande potenza espressiva, è intervenuto sull’ambone. Ha realizzato in bronzo dorato il supporto dell’evangeliario, esito di una reinterpretazione di due ali d’aquila, e la scala che conduce all’ambone, in marmo bianco di Carrara, con un ellisse dai contorni seghettati, in modo da suggerire la forma simbolica di una stella.
Claudio Parmiggiani, artista che interpreta in modo personale aspetti dell’arte concettuale e dell’arte povera con opere di silenziosa contemplazione, ha poi realizzato l’altare. Con un intervento che unisce passato e presente, l’artista ha riutilizzato due blocchi di marmo semilavorati in epoca romana, da lui ‘riconosciuti’ come densi di significato. Dal punto di vista simbolico, l’altare unisce le due valenze della ‘mensa’ (Cenacolo) e del dono della vita (Calvario).
A Jannis Kounellis, esponente di spicco dell’Arte povera, il cui lavoro è abitato da una forte urgenza comunicativa, è stata affidata la cattedra vescovile. Il lavoro dell’artista di origine greca ha avuto una lunga elaborazione. L’intervento è costituito dalla seduta vera e propria collocata su un’ampia pedana. La cattedra è realizzata in ferro, chiaro rimando alla stabilità, ed è collocata di fianco ad altre due sedute più piccole, una per il presidente non vescovo e l’altra per l’assistente. La forma essenziale e severa si rifà a modelli antichi, evocando in particolare forme altomedioevali. La pedana è costituita da un tavolato di legno ‘consunto’, in modo da sottolineare la tradizione ‘antica’ di questa ‘autorità’ che dagli inizi della cristianità raggiunge il nostro presente. Per motivi di spazio. nel dicembre 2012, la cattedra è stata  smontata.

All’interno della Cattedrale è pregevole la Cripta la cui costruzione risale al XII o XIII secolo. L’architettura del luogo è con volte a crociera, sostenute da 42 colonne con capitelli frammentari, per lo più quattrocenteschi (due recano la data del 1491), ma anche più antichi. La parte più antica è quella con l’altare che contiene l’arca con i corpi dei Santi Martiri Crisanto e Daria. Il restauro generale avvenne nel 1923. Durante i lavori fu trovato un ragguardevole frammento di pavimento romanico (mosaico del III-IV sec.) che dal piano della cripta conduce attraverso una scaletta, in un vano sotterraneo. Nel mosaico sono riconoscibili figure geometriche e animali tra cui il cervo alla fonte, La cripta è formata da tre cappelle: al centro quella col sepolcro dei martiri Crisanto e Daria, a destra quella dedicata ai caduti in guerra, decorata nel 1923 da A. Govi, sotto questa cappella una scaletta porta alle tombe dei Vescovi, nella parte sinistra, un bassorilievo mostra due Re Magi (XIII sec.), questa lastra fu utilizzata come pietra tombale del Vescovo Enrico Casalorci (+1312) che vi è raffigurato sul retro.

Come arrivare:
con Minibù dal parcheggio di via Cecati; a piedi da via Emilia San Pietro, svoltando a sinistra in via Corridoni e percorrendola.

Orario Feriale lunedì-sabato 9-12,30 e 16-19
Orario Festivo 9-12,30 e 16-19

ingresso gratuito

Contact

Contact
  • Address
    Piazza Prampolini 42121 Reggio Emilia
  • Phone
  • Category
    Beni Culturali
  • Location
    Reggio Emilia

Orari

Orari
  • Mon
    9-12,30 e 16-19
  • Tues
    9-12,30 e 16-19
  • Wed
    9-12,30 e 16-19
  • Tues
    9-12,30 e 16-19
  • Fri
    9-12,30 e 16-19
  • Sat
    9-12,30 e 16-19
  • Sun
    9-12,30 e 16-19

Location

Cattedrale – Duomo
Get directions

Contact

Cattedrale – Duomo
  • By redazione
  • Email: lorenzo.bianchi68@gmail.com

Your Name (required)

Your Email (required)

Subject

Your Message

Ratings

Cattedrale – Duomo

Recensioni

0

0 Total
This is a sample content. you can add some notice or special comment for ratings. If you need to modify rating statements, please go to theme option and you can add or change.
Thank you.
Servizio
0.0%
Location
0.0%
Qualità
0.0%
Altro
0.0%