Castello Guidotti

Description

Description

Il complesso del Castello Guidotti (mercanti e grandi produttori di seta) in Fabbrico, comprendente il primitivo borgo con il fossato di difesa, le mura e i bastioni cinquecenteschi, risale al XIII secolo e ingloba parte di antico castello matildico. Le sue vicende storiche si intrecciano con quelle dei Della Palude, dei Gonzaga, dei Da Correggio e degli Estensi. Nel 1676 diventa proprietà della famiglia Guidotti, destinata ad avere un ruolo determinante nella storia del castello e dell’intero borgo, che, nel 1854, fece costruire l’imponente villa su disegno dell’architetto Costa. L’annesso castello è stato restaurato dai discendenti e oggi alcune ampie sale del periodo tardo-medievale (Sala della Caccia, Sala dei Gigli di Francia e Sala degli Armigeri) sono destinate a ricevimenti. Il giardino presenta rare specie di piante.

Il Castello in determinate occasioni è aperto al pubblico per visite guidate su prenotazione.

Nel centro storico di Fabbrico sorge un antichissimo manufatto ancora poco conosciuto ai più: costruito nel XIII secolo su precedenti insediamenti, il Castello Guidotti è uno splendido esempio di antico fortilizio matildico, poi piuttosto rimaneggiato nei secoli, che presenta però ancora il primitivo borgo con il fossato di difesa, le mura e i bastioni cinquecenteschi. Le sue vicende storiche si intrecciano con quelle dei Della Palude, dei Gonzaga, dei Da Correggio e degli Estensi. Le più antiche strutture del complesso, la cui importanza viene testimoniata da una mappa cinquecentesca affrescata nella Galleria delle Carte geografiche in Vaticano, che mostra il borgo fortificato di Fabbrico, furono inglobate dal Palazzo Nuovo costruito nel 1580, dimora di Fabrizio da Correggio e del figlio Cosimo. Assorbito poi dagli Estensi nel XVII secolo, il complesso difensivo ormai in rovina, viene ridotto a magazzino e deposito fino al 1676 con l’arrivo sulla scena della famiglia correggese dei Guidotti, destinata ad avere un ruolo determinante nella storia del Castello e nella vita fabbricese dell’ultimo scorcio del Seicento e del primo Settecento: essi ampliarono i possedimenti all’interno dell’area castellana e utilizzarono parte degli edifici per l’industria della seta, specializzandosi nella produzione dei damaschi, attività che durò a Fabbrico fino al 1720. La parte più antica del complesso venne destinata ad uso agricolo come deposito di cereali, da mettere a disposizione delle popolazioni della Bassa reggiana e mantovana colpite dalle carestie tra la fine del Seicento e gli inizi del Settecento. Nel 1854 la famiglia Guidotti fece costruire anche l’imponente villa, su disegno dell’architetto Cesare Costa, progettista del Teatro Comunale di Reggio Emilia, di ispirazione vignolesca. Recentemente il castello è stato restaurato dagli ultimi discendenti della famiglia Guidotti che ancora vi abitano ed alcune bellissime sale del periodo tardo-medioevale (Sala della Caccia, Sala dei Gigli di Francia e Sala degli Armigeri), che presentano travature e colonne in legno originali, sono ora aperte al pubblico per ricevimenti e riunioni. Una rampa, che sostituisce il vecchio ponte levatoio, immette nel cortile settecentesco dove sorgono le antiche scuderie accanto al porticato che conduce all’interno del Palazzo.

 

 

 

Contact

Contact

Location

Castello Guidotti
Get directions

Contact

Castello Guidotti
  • By editorestartemilia
  • Email: andrea@cabiria.net

    Your Name (required)

    Your Email (required)

    Subject

    Your Message

    Ratings

    Castello Guidotti

    Recensioni

    0

    0 Total
    This is a sample content. you can add some notice or special comment for ratings. If you need to modify rating statements, please go to theme option and you can add or change.
    Thank you.
    Servizio
    0.0%
    Location
    0.0%
    Qualità
    0.0%
    Altro
    0.0%